Facebook Twitter
adbrok.com

Forze Che Muovono I Prezzi Delle Azioni

Pubblicato il Agosto 17, 2021 da Donald Travers

Una delle forze più grandi che incidono sui prezzi delle azioni sono l'inflazione, i tassi di interesse, le obbligazioni, le materie prime e le valute. A volte il mercato azionario si inverte improvvisamente seguito da spiegazioni stampate formulate per suggerire che l'osservazione acuta dell'autore gli ha permesso di prevedere la svolta del mercato. Tali circostanze lasciano gli investitori in qualche modo stupiti e stupiti dall'infinita quantità di input fattuali continui e interpretazione infallibile necessarie per evitare di andare contro il settore. Mentre ci sono continue fonti di input che bisogna essere in grado di investire con successo in borsa, sono limitati. Se mi contatti sul mio sito web, sarò felice di condividerne un po 'con te. Ciò che è più importante è avere un modello forte per distribuire qualsiasi nuova informazione che appaia. Il modello dovrebbe prendere in considerazione la natura umana, oltre alle principali forze di mercato. Quello che segue è un modello ciclico di lavoro privato che non è né perfetto né completo. È solo una lente attraverso la quale si possono esaminare la rotazione del settore, il comportamento aziendale e il mutevole sentimento del mercato.

Come sempre, qualsiasi comprensione dei mercati inizia con i tratti umani riconoscibili dell'avidità e della paura insieme alle percezioni dell'offerta, della domanda, del rischio e del valore. L'enfasi è sui sensi in cui le percezioni individuali e di gruppo di solito differiscono. Gli investitori possono dipendere da cercare il rendimento più grande per il minor rischio. I mercati, che rappresentano il comportamento di gruppo, possono essere dipendenti per rispondere eccessivamente a quasi tutte le nuove informazioni. Il seguente rimbalzo del prezzo o comfort fa sembrare che le risposte iniziali siano molto da fare per nulla. Ma no, le percezioni di gruppo semplicemente oscillano tra estremi e costi seguono. È evidente che il mercato complessivo, come riflesso nelle medie significative, colpisce oltre la metà del prezzo di un titolo, mentre gli utili rappresentano la maggior parte degli altri.

Con questo in mente, i prezzi delle azioni dovrebbero aumentare con i tassi di interesse decrescenti in quanto diventa più economico per le imprese finanziare le operazioni e i progetti finanziati attraverso il prestito. I costi di prestito più bassi consentono guadagni più elevati che aumentano il valore percepito di uno stock. In un ambiente a basso tasso di interesse, le imprese possono prendere in prestito emettendo obbligazioni aziendali, offrendo prezzi leggermente al di sopra della normale velocità del tesoro senza incorrere in costi di prestito eccessivi. I titolari di obbligazioni attuali sono impegnati per le loro obbligazioni in un ambiente di tasso di interesse in calo poiché il tasso di rendimento in cui stanno ottenendo superando tutto ciò che viene offerto in obbligazioni di nuova emissione. Le azioni, le materie prime e gli attuali prezzi delle obbligazioni tendono ad aumentare in un ambiente di tasso di interesse in calo. I tassi di prestito, compresi i mutui, sono strettamente legati al tasso di interesse del tesoro di 10 anni. Quando i prezzi sono bassi, i prestiti aumentano, mettendo effettivamente più denaro in circolazione con più dollari a seguito di un importo relativamente fisso di azioni, obbligazioni e merci.

Gli operatori obbligazionari confrontano sempre i tassi di interesse per le obbligazioni con quelle per le azioni. Il rendimento delle scorte è calcolato nel rapporto P/E reciproco di uno stock. I guadagni divisi per costi danno un rendimento per guadagni. La premessa qui è che il prezzo di acquisto di uno stock si sposterà per riflettere i propri guadagni. Se i rendimenti dell'inventario per l'S & P 500 nel loro insieme saranno gli stessi dei rendimenti obbligazionari, gli investitori preferiscono la sicurezza delle obbligazioni. I prezzi delle obbligazioni aumentano e i prezzi delle azioni diminuiscono a causa del movimento monetario. Man mano che i prezzi delle obbligazioni scambiano più in alto, a causa della loro popolarità, il rendimento effettivo per un determinato legame diminuirà perché il suo valore nominale alla scadenza è fisso. Man mano che le obbligazioni di successo diminuiscono ulteriormente, i prezzi delle obbligazioni sono completi e le azioni iniziano a sembrare più allettanti, sebbene a un rischio maggiore. Esiste una relazione inversa oscillatoria naturale tra i prezzi delle azioni e i tassi di obbligazioni. In un aumento del mercato azionario, è stato raggiunto l'equilibrio quando i rendimenti dell'inventario sembrano superiori ai rendimenti delle obbligazioni aziendali che sono maggiori dei rendimenti obbligazionari del Tesoro che sono maggiori delle tariffe del conto di risparmio. I tassi di interesse a più lungo termine sono naturalmente superiori ai prezzi a breve termine.

Cioè, fino all'introduzione di prezzi elevati e inflazione. Con una maggiore offerta di liquidità in circolazione nel mercato, a causa dell'aumento del prestito a basso tasso di incentivi per gli interessi, provoca aumento dei prezzi delle materie prime. Le variazioni dei prezzi delle materie prime permeano in tutta l'economia per colpire tutti i beni duri. La Federal Reserve, vedendo una maggiore inflazione, aumenta i tassi di interesse per eliminare il denaro extra dal flusso per sperare di ridurre i costi ancora una volta. Il aumento dei costi di prestito, il che rende più difficile per le aziende raccogliere capitali. Gli investitori azionari, percependo gli effetti di tassi di interesse più elevati sugli utili aziendali, iniziano a ridurre le loro aspettative sui guadagni e i prezzi delle azioni.

I titolari di obbligazioni a lungo termine tengono d'occhio l'inflazione poiché il tasso di rendimento effettivo su un'obbligazione è pari alla resa obbligazionaria meno il tasso di inflazione attesa. Pertanto, l'aumento dell'inflazione rende le obbligazioni precedentemente emesse meno attraenti. Il Dipartimento del Tesoro deve quindi aumentare il tasso di interesse o coupon sulle obbligazioni di nuova emissione per poterle fare appello ai nuovi investitori obbligazionari. Con tassi più elevati sulle obbligazioni di nuova emissione, il prezzo di acquisto delle obbligazioni coupon fisse esistenti diminuisce, causando l'aumento anche dei loro tassi di interesse. Pertanto, i prezzi delle obbligazioni e delle azioni diminuiscono in un ambiente inflazionistico, principalmente a causa dell'aumento previsto dei tassi di interesse. Gli investitori azionari nazionali e i titolari di obbligazioni esistenti trovano un aumento dei tassi di interesse ribassisti. Gli investimenti di rendimento fisso sono interessanti quando i tassi di interesse stanno diminuendo.

Oltre ad avere troppi dollari in circolazione, l'inflazione viene anche raccolta da un calo del valore del dollaro nei mercati dei cambi. La ragione del recente calo del dollaro è la percezione del suo valore ridotto a causa dei continui deficit nazionali e squilibri commerciali. Le merci straniere, per questo, possono essere costose. Ciò renderebbe i prodotti più attraenti all'estero e migliorerebbe il saldo commerciale americano. Ma se prima che ciò accada, gli investitori stranieri vengono percepiti come individuare gli investimenti in dollari USA meno attraenti, mettendo meno denaro nel mercato azionario degli Stati Uniti, un problema di liquidità può portare al calo dei prezzi delle azioni. Le turbolenze politiche e l'incertezza possono anche comportare la riduzione del valore dei soldi e il valore delle merci difficili da crescere. Le scorte di materie prime fanno molto bene in questo ambiente.

La Federal Reserve è vista come un portiere che percorre una linea sottile. Può aumentare i tassi di interesse, non solo per evitare l'inflazione, ma anche per creare investimenti statunitensi per rimanere attraenti per gli investitori stranieri. Ciò vale in particolare per le banche centrali all'estero che acquistano enormi quantità di titoli del Tesoro. La preoccupazione per l'aumento dei tassi rende a disagio i titolari di obbligazioni e le azioni per i motivi di cui sopra e i titolari di azioni per ancora un altro motivo. Se l'aumento dei tassi di interesse richiedono molti dollari dalla circolazione, può provocare deflazione. Le aziende non sono quindi in grado di vendere prodotti a qualsiasi costo e i costi diminuiscono drasticamente. Il conseguente impatto sulle azioni è negativo in un ambiente deflazionistico a causa della semplice mancanza di liquidità.

In breve, affinché i prezzi delle azioni possano procedere facilmente, le percezioni dell'inflazione e della deflazione devono essere in equilibrio. Un disturbo in quell'equilibrio è generalmente visto come una variazione dei tassi di interesse e del tasso di valuta. I costi delle azioni e delle obbligazioni normalmente oscillano in direzioni opposte a causa delle differenze di rischio e del saldo mutevole tra i rendimenti obbligazionari e i rendimenti apparenti delle azioni. Non appena li troviamo muoversi esattamente allo stesso modo, significa che un cambiamento significativo sta avvenendo nell'economia. Un dollaro statunitense in calo aumenta i timori di tassi di interesse più elevati che influiscono negativamente sui prezzi delle obbligazioni e delle azioni. Le dimensioni relative della capitalizzazione di mercato e del trading quotidiano aiutano a chiarire perché le valute e le obbligazioni hanno un effetto così enorme sui prezzi delle azioni. Innanzitutto, consideriamo la capitalizzazione totale. Tre anni fa il mercato obbligazionario era da 1,5 a 2 volte più grande della borsa. Per quanto riguarda il volume di negoziazione, il rapporto commerciale giornaliero di soldi, tesorerie e azioni è stato successivamente 30: 7: 1, rispettivamente.